A gennaio di quest’anno la Melino Nerella Edizioni ha pubblicato Il ritratto scomparso di Patrizia Debicke van der Noot. Adrienne Lecrouet è una pittrice affermata, nota soprattutto per la sua abilità nel ritrarre i suoi committenti; dando così vita a tele meravigliose che sembrano raccontare la vita dei loro protagonisti tale è l’intensità e la profondità del tratto distintivo dell’artista. Adrienne non solo scava nel profondo dei soggetti che deve raffigurare, in maniera da imprimere al meglio il loro essere nel ritratto, ma sembra appassionarsi talmente al suo lavoro da mettere in gioco anche la propria anima che rimane indissolubilmente legata ai suoi lavori. Sarà proprio questo legame che la spingerà a indagare e andare sempre più oltre la coltre di mistero che avvolge la scomparsa, ormai decennale, di uno dei suoi ritratti più riusciti. Esattamente come la protagonista del libro, la quale riesce a intuire il carattere e la personalità dei soggetti da ritrarre e li fa rivivere attraverso i colori e i pennelli, l’autrice riesce, attraverso la sua penna, a dare vita ai protagonisti in maniera sorprendente, lasciando trasparire ogni sfumatura del loro carattere, della loro personalità, della loro angoscia e del loro dolore. Racconta della loro affannosa ricerca di una serenità meritata seguita a tragici eventi di cui sono stati loro malgrado testimoni, spettatori o vittime. Racconta in maniera minuziosa del loro carnefice, delle sue angosce, delle sue fobie e delle sue follie. Questa volta la Debicke van der Noot non è andata a scavare nel passato prossimo o remoto della nostra Storia alla ricerca di fonti o luoghi che la ispirassero, è rimasta nella contemporaneità del mondo moderno ed è riuscita lo stesso a ricreare atmosfere coinvolgenti che appassionano il lettore fin dalle prime battute del libro, soffermandosi a lungo sulle bellezze paesaggistiche e architettoniche della campagna francese, belga e italiana. Il ritratto scomparso di Patrizia Debicke van der Noot affronta con la sobrietà e l’eleganza proprie dello stile dell’autrice, un tema difficile, complicato, a tratti inquietante che si vorrebbe riuscire, nella vita reale, per sempre a cancellare.

http://milanonera.hotmag.me/?p=10087

© 2014, Irma Loredana Galgano. Ai sensi della legge 633/41 è vietata la riproduzione totale e/o parziale dei testi contenuti in questo sito salvo ne vengano espressamente indicate la fonte irmaloredanagalgano.it) e l’autrice (Irma Loredana Galgano).

Condividi