Sbocchi professionali per laureati in Storia

Laureati in Storia
La questione dei possibili o probabili sbocchi professionali per i laureati in Storia non avrebbe proprio ragione di essere posta. I laureati in Storia un compito ce l’hanno ed è anche bello oneroso, ovvero fare gli storici.

Lo storico non è semplicemente colui che sa o conosce la Storia, egli è innanzitutto un ricercatore di fonti, di fatti, di testimonianze dirette e indirette che possano far luce su accadimenti, persone o personaggi del passato ma anche di quello che tale diventerà e quindi del presente. Non possiamo veramente credere sia possibile affidare la narrazione della nostra contemporaneità solamente agli scrittori, ai giornalisti, ai blogger… È un’assurdità anche solo pensarlo. Data, localizzazione, fonte, analisi, integrità, credibilità sono i fondamenti del metodo storico. A questi andrebbe aggiunto l’ingrediente dell’obiettivitàassoluta che siccome è pressoché impossibile da ritrovare in un singolo soggetto e per un lungo periodo va assolutamente ricercata nella pluralità delle voci. Vero è che anche in un passato non molto lontano le ricostruzioni storiche potevano essere o erano faziose, pendenti verso i committenti che incaricavano gli addetti, ma questo oggi si può facilmente scongiurare avendo tra l’altro la possibilità di reperire informazioni esponenzialmente più elevate di numero, rispetto al passato, per la facilità delle comunicazioni e degli spostamenti.

In una società, quella attuale, che sostiene di basarsi sulla tecnologia e sull’informazione, gli storici dovrebbero essere presenti quotidianamente nei Parlamenti, alle riunioni dei Governi, nelle Commissioni, nei Consigli di amministrazione delle Società Pubbliche, nei Ministeri, alle conferenze stampa… dovrebbero avere libero accesso ai documenti e alle fonti, dovrebbero poter avere la possibilità di registrare e documentare quanto più materiale possibile in maniera tale da riuscire a regalare ai posteri una storiografia più attendibile e veritiera possibile e non lasciare che essi siano costretti a ricostruire il nostro periodo storico dovendo far appello a tentavi di assemblaggio da fonti miste e frammentarie.

Per quanto concerne poi gli altri possibili sbocchi professionali per chi sceglie di laurearsi in Storia vi è quello accademico di ricerca e insegnamento o scolastico come docente per le classi di concorso 37/A (Storia e Filosofia), 43/A (Italiano, Storia ed Educazione civica nella scuola media), 50/A (Materie letterarie negli Istituti di istruzione secondaria di secondo grado), 51/A (Materie letterarie e Latino nei Licei e nell’Istituto magistrale), fermo restando ovviamente l’aver sostenuto e superato gli esami previsti.

I vari atenei elencano come possibili sbocchi professionali per i laureati in Storia:

  • Incarichi presso Amministrazioni pubbliche e private, in particolare nel campo degli Archivi, delle Biblioteche, dei Musei e di Enti o Fondazioni culturali.
  • Attività di ricerca.
  • Compiti specifici e settoriali in campo editoriale.
  • Attività giornalistica.

Abbiamo visitato le pagine di numerose Università italiane e onestamente ci sono sembrate tutte un po’ scontate e ripetitive avendo indicato la maggior parte di questi incarichi per tutte le Lauree in ambito umanistico. Solamente l’Università di Bologna sembra aver compiuto un reale studio settoriale preventivo all’individuazione delle cariche e professioni accorpandole in tre grandi gruppi:

  • Divulgatore in ambito storico.
  • Assistente di redazione.
  • Amministratore pubblico.

Gli Enti pubblici che hanno partecipato alla consultazione (Provincia di BolognaMuseo civico del RisorgimentoArchivio di Stato di Bologna) indicano come profilo rispondente ai requisiti il Divulgatore in ambito storico, mentre la casa editrice Zanichelli trova la denominazione del corso di studi assai generica.

Almalaurea sta monitorando ininterrottamente dal 1994 l’andamento del percorso universitario e post-universitario degli iscritti nei 28 Atenei che hanno aderito al Consorzio interuniversitario. Rientra nell’ambito della ricerca anche la facoltà di Storia. Gli ultimi dati pubblicati risalgono al 2001 e già rivelano una tendenza al peggioramento relativa agli sbocchi professionali post laurea. Infatti a un anno dal conseguimento del titolo gli storici risultano meno occupati dei colleghi in Lettere e Scienze politiche. Inoltre la maggior parte di loro non risulta collocata in uno specifico ambito settoriale: uno storico su cinque è impiegato nell’istruzione, 15 su cento lavorano nel commercio, 8 su cento nei trasporti, altrettanto nel credito, nelle assicurazioni o per altri servizi alle imprese. Siamo nel 2014 e non sembra ci siano stati miglioramenti vista anche la testimonianza di Stefano Sioli raccolta dal «Corriere della Sera», nella quale racconta il suo percorso che lo ha portato, dopo una Laurea quinquennale in Scienze storiche, da riservista nell’esercito a piccolo imprenditore passando per la carica di manager commerciale nella grande distribuzione.

La situazione dunque non è tra le più rosee e ci si interroga su quali possano essere i reali motivi per cui la scienza della conoscenza venga volutamente relegata sempre più a materia di nicchia. Manzoni nell’Introduzione de I promessi sposi così l’ha definita «L’Historia si può veramente deffinire una guerra illustre con il Tempo, perché togliendoli di mano gl’anni suoi prigionieri, anzi già fatti cadaueri, li richiama in vita, li passa in rassegna, e li schiera di nuovo in battaglia».

http://www.sulromanzo.it/blog/sbocchi-professionali-per-laureati-in-storia

 

© 2014, Irma Loredana Galgano. Ai sensi della legge 633/41 è vietata la riproduzione totale e/o parziale dei testi contenuti in questo sito salvo ne vengano espressamente indicate la fonte irmaloredanagalgano.it) e l’autrice (Irma Loredana Galgano).

Condividi