$_1

“Rimorsi” di Marisa Fasanella è una raccolta di undici racconti brevi che apparentemente trattano argomenti diversi ma che alla fin fine si ricongiungono tutti in un punto fermo, quello dell’universo femminile, esplorato abilmente dall’autrice non con intento critico o puramente narrativo, bensì con una tale forza da far sembrare la sua scrittura una fotografia, un’istantanea del mondo vivo e reale delle protagoniste dei sui scritti come di un qualsiasi altro essere vivente.

Un mondo che è il Sud, per chi lo conosce e facilmente lo riconosce nei gesti, nelle parole… ma è al contempo un posto qualsiasi in questo mondo che è da sempre, dappertutto, uguale.

La moglie del sindaco, Pomeriggi d’autunno, Nabucco, Il segreto, L’uomo del fiume, La balia, Morsi e rimorsi, Il cuore nelle scarpe, Il custode, La sorella maggiore, Storia di Nina… undici protagoniste rese aride e sterili da «le azioni degli uomini» che «finiscono col diventare le colpe delle donne».

La prefazione è di Stefano Giovanardi e leggendola già si intuisce cosa aspettarsi dal libro, dal suo contenuto come anche dal suo lascito… pensieri che corrono veloci, rimandi a fatti, cronache, esistenze, delitti, omicidi a cui ancora vengono affiancate le parole passione, amore ma che nulla hanno a che vedere con questi sentimenti, come nulla hanno a che vedere con l’essere madre gli infanticidi, appartengono a un mondo lontano tanto sconosciuto ancora quanto esplorato, le malattie, quelle che fanno forse più paura, perché non sono solo fisiche ma mentali.

Un libro, Rimorsi, che in qualche modo preannuncia l’evoluzione del percorso dell’autrice, le sue indagini nell’universo femminile di ogni epoca e luogo. Intenso, profondo, che si fa leggere d’un fiato e non solo per la breve lunghezza, soprattutto per il filo di incredula speranza che tiene legato il lettore a Rachele, Mena, Rosa, Nina e alle altre, senza nome perché come le prime possono essere… sono chiunque.

 

© 2014 – 2017, Irma Loredana Galgano. Ai sensi della legge 633/41 è vietata la riproduzione totale e/o parziale dei testi contenuti in questo sito salvo ne vengano espressamente indicate la fonte irmaloredanagalgano.it) e l’autrice (Irma Loredana Galgano).

Condividi