Pancol_Muchachas1

Dopo l’enorme successo ottenuto in Francia la trilogia Muchachas di Katherine Pancol sta incontrando il favore del pubblico anche in Italia.

È stata la casa editrice Bompiani a pubblicarli tutti, il terzo in questo mese di novembre, nella versione tradotte da F. Ascari.

 «Storie di donne, che rimbalzano da Parigi a Londra, da New York a Miami, dalle acciaierie della Borgogna al mondo dell’alta moda e della musica. Per difendere la loro libertà, le loro passioni, il loro talento, la loro autonomia.»

Hortense, Stella e Joséphine sembrano vivere tre vite distinte e lontane eppure destinate a intrecciarsi inesorabilmente.

Protagoniste indiscusse perché appartenenti al genere che ‘guida le danze’, quello femminile. Donne che conducono, s’infiammano, amano e «fanno scintille del loro destino».

In Francia la trilogia ha venduto oltre un milione di copie. Secondo «L’Express» è «l’effetto specchio con le lettrici che funziona alla perfezione. È questa la ricetta-Pancol, ed è infallibile». Attualmente Muchachas è in corso di pubblicazione in quindici Paesi ed è certamente destinata a incontrare il favore del pubblico, soprattutto femminile, ma sarebbe una grande dimostrazione di civiltà l’apprezzamento anche da parte dell’altra metà del genere umano. Un sano gesto «contro ogni prevaricazione maschile, contro ogni forma di violenza, contro ogni tentativo di costrizione».

Nel primo volume il lettore imparerà a conoscere Hortense, che convive con il bellissimo Gary, idolo di tutte le sue compagne di corso. Perché abbandona Hortense in mezzo a Central Park?

Conoscerà la vita di Stella, che abita nella campagna francese con il figlio Tom, fuggita di casa per scappare dalla violenza e perseguitata dalla stessa.

Josephine è una raffinata parigina la cui tranquilla vita sarà totalmente stravolta il giorno in cui sua figlia Zoe esce di casa per andare a scuola e non ritorna più.

Negli altri due libri il lettore seguirà con passione lo sviluppo della trama e delle vicende e l’epilogo a cui le condurrà non solo il destino, ma soprattutto l’ ostinato e caparbio agire delle protagoniste.

Katherine Pancol è nata a Casablanca, in Marocco, ma è cresciuta in Francia. Ha lavorato come docente e poi come giornalista prima di avvicinarsi alla scrittura e il successo riscosso fin dai primi libri pubblicati sono stati un grande incoraggiamento. Nel 2006 ha ricevuto il Prix de la Maison de la Presse e nel 2007 il Premio come Miglior Autore dallaGorodets Publishing di Mosca.

Lei stessa ha reso pubblico l’episodio che ha fatto scattare la molla per la scrittura di Muchachas «Ero in un caffè a Nizza, l’estate di un paio di anni fa, quando vidi un uomo sedersi con una donna incinta e due bambini al seguito. Lui la rimproverava duramente finché la schiaffeggiò con forza, più volte. La raggiunsi in bagno, volevo offrirle il mio aiuto, ma lui ci raggiunse, mi disse di andarmene altrimenti l’avrebbe picchiata ancora proprio lì. Ma ciò che mi colpì fu lo sguardo di quella donna. Mi supplicava di andare via, come se pensasse di meritare quella punizione, la crudeltà del proprio uomo. Io non potevo intervenire, l’unica cosa che potevo fare era scriverne. Sono una scrittrice, è proprio questa la mia forza».

http://luciogiordano.wordpress.com/2014/11/26/muchachas-di-katherine-pancol-tre-libri-per-raccontare-luniverso-femminile/

© 2014, Irma Loredana Galgano. Ai sensi della legge 633/41 è vietata la riproduzione totale e/o parziale dei testi contenuti in questo sito salvo ne vengano espressamente indicate la fonte irmaloredanagalgano.it) e l’autrice (Irma Loredana Galgano).

Condividi