Parigi,5 ostaggi negozio kosher,teste cuoio in azione

Quasi contemporaneamente i corpi speciali francesi, che da ore avevano circondato i luoghi ove si erano arroccati gli assalitori al giornale «Charlie Hebdo», hanno fatto irruzione riuscendo a liberare gli ostaggi, anche se quattro di loro sembra siano stati uccisi.  Durante l’azione hanno perso la vita sia i fratelli Kouachi, nel capannone della ditta di segnaletica stradale sita a Nord-Est di Parigi, sia Amedy Coulibaly che si era barricato in un negozio di alimentari nella zona orientale della capitale.

Voci insistenti affermano che i servizi segreti algerini avrebbero avvertito la Francia già il giorno 6 gennaio in merito al rischio di un imminente attacco terroristico e che il premier israeliano Netanyahu avrebbe dato ordine al Ministero degli Esteri e al Mossad di offrire al governo francese «ogni assistenza necessaria per combattere l’ondata di terrorismo a Parigi».

Intanto c’è chi coglie l’occasione per racimolare un po’ di contanti vendendo online i numeri storici della rivista satirica e le magliette con le immagini dell’attentato.

65f488f0-6c85-45f2-8108-9a27e2116be9_800

© 2015, Irma Loredana Galgano. Ai sensi della legge 633/41 è vietata la riproduzione totale e/o parziale dei testi contenuti in questo sito salvo ne vengano espressamente indicate la fonte irmaloredanagalgano.it) e l’autrice (Irma Loredana Galgano).

Condividi