Pompei. L’incubo e il risveglio - Angelo Petrella

Pompei di Angelo Petrella è un tuffo nell’antica Roma, nel periodo in cui l’Impero si estendeva talmente lungo gli assi cartesiani da generare l’idea che inglobasse il mondo intero. Conquistatori, combattenti, soldati, condottieri, senatori… i romani hanno sempre creduto di essere superiori a tutti i popoli incontrati, combattuti, schiavizzati, sterminati.

Non essendo un saggio o un testo storico Petrella si è preso la libertà di romanzare su episodi o personaggi dando ad essi un’impronta particolare, una pendenza che aiuta il lettore nella formulazione del suo giudizio.

In un ambiente fatto di inganni, di soprusi, di sotterfugi, di violenze e di vendette spicca la figura del protagonista, Silano, il suo onore e il suo buon cuore senza enfasi né esagerazioni che l’avrebbero reso stucchevole e forse fuori luogo.

«Grazie per quello che hai saputo darmi. Forse per te non era molto: ma per me è valso una vita…»

È la frase con cui si congeda dal suo unico, vero amore. Sintesi perfetta di un uomo che è tale fino in fondo.

Camma, la cui forza e determinazione, unite al ricordo del suo passato, la rendono eroina di tutti i popoli vittime di guerre assurde giustificate da motivi politici, economici, religiosi, sociali ma che alla fin fine sortiscono tutte i medesimi effetti, devastanti, su persone, uomini, donne, bambini, anziani… esseri umani. La sete di potere e la lussuria dei capi si trasforma nella rabbia dei soldati addestrati a uccidere per salvare la patria prima che se stessi. E la rabbia, come la vendetta, non può mai dare origine a qualcosa di positivo.

«Ormai il cielo ha le tonalità del tramonto, anche se è pieno giorno: i lapilli e la cenere proiettati a dieci miglia di altezza ora veleggiano sulle città vesuviane, pronte a prendersi la vita della gente»

L’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. che giunge quasi in sordina a travolgere le vite dei protagonisti e non solo, a ricordare a tutti, romani compresi, che esistono poteri e forze che non possono raggiungere, dominare, controllare… una lezione che ancora oggi si stenta a imparare.

http://www.thrillercafe.it/pompei-lincubo-risveglio-angelo-petrella/

 

© 2014, Irma Loredana Galgano. Ai sensi della legge 633/41 è vietata la riproduzione totale e/o parziale dei testi contenuti in questo sito salvo ne vengano espressamente indicate la fonte irmaloredanagalgano.it) e l’autrice (Irma Loredana Galgano).

Condividi